Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘marta sui tubi’

lei adora i Marta sui Tubi, da quando li ha ascoltati la prima volta, da una copia tarocca del loro primo ciddì prestato da Paolino.

tutte le volte che ascolta quel primo album si chiede come facciano due sole persone a produrre tanta energia con una chitarra e due voci.

non è stata molto fortunata con i concerti dal vivo. ci ha provato due volte ed entrambe sono state orribili, una perchè il concerto viene interrotto dopo 3 pezzi da un gestore privo di ironia, l’altra perchè problemi tecnici di audio hanno rotto sistematicamente la poesia.

ma mica ha perso le speranze, lei, e poi c’è un concerto dalle sue parti. l’ultimo album è meraviglioso e lei ha sete di quell’energia vitale e ha voglia di dimenarsi e ascoltare e sorridere.

e questa volta tutto va bene, anche se la voce per i suoi gusti andrebbe un po’ più “davanti”, ma fa niente, l’energia arriva e lei sorride, e si dimena, e poi ascolta a occhi chiusi, e poi ride e si commuove anche un po’.

sicuramente uno dei più bei concerti che lei abbia vissuto.

succedono delle cose dolci, più di una persona le si avvicina per cantare insieme o per stare un momento abbracciati o perchè chissà.

lei si sente proprio bene.

dopo “pensieri a sonagli” i Marta sui Tubi attaccano “vecchi difetti”. a metà pezzo il cantante scende dal palco a cantare in mezzo al pubblico. tutti si scostano per lasciarlo cantare in pace, con rispetto, nessuno gli vola addosso, grazie al cielo.

lei non ricorda tutto quello che è successo poi.

ricorda un braccio in camicia scura che si alza come a dirle “vieni qui”.

ricorda che si è trovata in un abbraccio tra due persone sconosciute l’una all’altra, meraviglioso e speciale e niente di più di quello che è l’abbracciare uno sconosciuto e cantare con lui. ricorda la sensazione della mano destra sulla sua schiena calda.

lei non ricorda il distacco. lei ricorda che è rimasta ad occhi chiusi per un bel po’, a sorridere pensando “meno male che non sono una quattordicenne”.

perchè se a quattordici anni uno dei tuoi musicisti preferiti al mondo scende dal palco, ti abbraccia e torna su vai fuori di testa, svieni, urli, piangi, ci ricami su chissàchestoria, e inevitabilmente ti perdi la vera magia del momento, non stai lì calma e sorridente affondata nell’energia di una persona che affonda nella tua.

Annunci

Read Full Post »

un’altra sera a casa a masticare noia e surgelati
la tivù vomita vacui colori
la luce dei pensieri è spenta
programmerò il mio amore artificialmente
e scriverò un saggio su come perdere tempo senza sprecare nemmeno un minuto

vieni a farmi compagnia, fiamma di carta
perditi con me nel labirinto di un monolocale
a coltivare il miraggio di stare con i piedi per terra
sopra il pavimento di un quinto piano, condominiale

e non so come ma arriverò puntuale.

mi manca un kilo di pace integrale
e due etti di comprensione
e un cartone d’amore a lunga conservazione
non rimane che fare la spesa
continuare a pagare
per quello che voglio e quello che non ho ancora

e non so dove ma arriverò puntuale.

oh, che vasta scelta mi si presenta, che sceglierò
ma voglio di più per riempir la cesta che sceglierò
vorrei essere io una volta scelto..

 

testo meraviglioso, no?
vorrei averlo saputo scrivere io.
da “sushi & coca” – Marta sui Tubi

Read Full Post »

esce il terzo ciddì dei Marta sui Tubi!!

Paolino mi aveva prestato il loro primo lavoro, “muscoli e dei” e io mi ero innamorata, persa. voce e chitarra con un tiro micidiale, bei testi (in italiano!), tanta tantissima energia. anche il secondo, “c’è gente che deve dormire” mi era proprio piaciuto, e così anche loro dal vivo, anche se l’ultima volta è successo un gran casino. ma alla fine del casino eravamo in birreria alla Civetta tutti insieme. una storia lunga.

insomma, leggo che è uscito il terzo cd. mi ero già un po’ scocciata perchè avevo già capito dal singolo che avevano aggiunto un quarto elemento alla band, loro che erano partiti in due, e a me pareva che fossero più che sufficienti. un tastierista, poi. loro che non hanno un bassista..

poi sono andata sul my space, ho ascoltato “non lo sanno” e bon, sono subito andata sul loro sito a caccia del bottone su cui cliccare “acquista“.

MARTA SUI TUBI – sushi e coca

adesso non vedo l’ora che mi arrivi il cd da consumare in auto cantando a squarciagola ai semafori o a casa svaccata ad ascoltare.

Read Full Post »

quei tubi della caldaia, nella mia cucin-saladapranz-salott, proprio non si potevano vedere.

così mi sono inventata un modo per coprirli. ho comprato un tralcio di edera finta al fai da te qui vicino, l’ho smontato in singoli rami e ho ricoperto gli orridi tubi con tutta la santa pazienza che avevo, scendendo e salendo le scale mille volte per vedere che effetto faceva e riaggiustare qua e là. sembrerà un lavoro semplice, ma mica vero.

l’effetto finale mi piace, e, al contrario di quanto temevo, non è che passandoci vicino uno pensi proprio “uh, ma com’è finta quest’edera”.

nel ciddì, intanto, suonavano i Marta sui Tubi, con “c’è gente che deve dormire”. beh, i tubi del loro nome non sono certo quelli di una caldaia, ma ognuno ha i tubi che si merita.

Read Full Post »